Warren Buffett: “Escalation tensioni tra Usa e Cina negativa per il mondo intero”

6 Maggio 2019, di Alessandra Caparello

Un’escalation nella controversia commerciali in corso tra Usa e Cina sarebbe negativa per tutto il mondo. A dirlo uno che di economia se ne intende, ossia Warren Buffett che parlando alla Cnbc ha sottolineato come il crollo del mercato azionario nel pre- market oggi dopo la minaccia del Presidente Donald Trump di aumentare le tariffe sulla Cina è “razionale”, ha detto l’oracolo di Ohama.

Il miliardario investitore riconosce il “gioco pericoloso” che viene giocato dalle due più grandi superpotenze economiche del mondo. A volte i negoziatori hanno bisogno di “parlare duro” e persino “agire” per ottenere risultati, ha sottolineato Buffett che non si è sbilanciato sull’affermare come andranno a finire i colloqui tra Stati Uniti e Cina per risolvere le differenze commerciali.

Buffett ha anche puntato il dito contro il settore ESG, in cui investitori e politici cercano di fissare il capitalismo concentrandosi su iniziative ambientali, sociali e di governance.

“Non andremo a chiudere le nostre risorse facendo cose solo perché è la procedura standard nelle aziende americane”.