Wall Street e la bolla vaccini, precipitano Moderna e gli altri pionieri dei vaccini

12 Agosto 2021, di Redazione Wall Street Italia

Tracollo delle quotazioni a Wall Street dei due pionieri dei vacini, Moderna e BoinTech. Le azioni delle due società biotech, grandi protagoniste in positivo nell’ultimo anno, sono scese per il secondo giorno consecutivo perdendo circa 60 miliardi di dollari di valore di mercato combinato. Ieri Moderna ha chiuso a quasi -16% in area 385 dollari. Già martedì aveva ceduto ampiamente terreno (-5,7%) allontanandosi dai massimi di inizio ottava (top intraday a 493 dollari). Dal canto suo BioNTech ha segnato ieri un calo del 14%. Anche Pfizer, partner di Biontech per il vaccino anti Covid, è scivolata del 3,9% mercoledì.

Cosa sta succedento ai due titoli? Il violento sell-off coincide con un momento in cui le infezioni guidate dalla variante delta continuano a salire e quindi la richiesta di vaccini appare destinata ad aumentare. Ma tra gli investitori iniziano a pensare che sui due titoli ci sia stato un eccesso di euforia (entrambi sono arrivati a segnare +360% Ytd alla chiusura di lunedì).

Bank of America ha scritto che la valutazione della biotecnologia è passata “da irragionevole a ridicola” quando il titolo si è avvicinato a una
capitalizzazione di mercato di $ 200 miliardi. Valore non lontano a quello di un colosso pharma come Pfizer (259 mld $).

Altro possibile motivo dietro il violento dietrofront dei titoli dei pionieri dei vaccini può essere il newsflow che vede il possibile avvicinarsi dell’approvazione di altri vaccini contro il covid. L’Organizzazione mondiale della sanità, che sta ancora esaminando il vaccino russo Sputnik, ha affermato che il vaccino indiano Bharat potrebbe ottenere una valutazione finale a settembre. Altri cinque candidati saranno esaminati a partire da questo mese, incluso il vaccino Novavax dall’India e il vaccino Sinopharm dalla Cina.