Vinci: titolo crolla dopo falso comunicato, frode borsistica senza precedenti

30 Novembre 2016, di Daniele Chicca

Da una settimana nei giornali e nelle radio in Francia non si fa che parlare della frode borsistica cui è caduta vittima la società di costruzioni quotata Vinci. Otto giorni fa è stato pubblicato un comunicato, poi rivelatosi falso, su un caso di appropriazione indebita con tanto di rinvio a giudizio del suo direttore finanziario. La nota era talmente veritiera da aver convinto le principali agenzie di stampa internazionali: Bloomberg e Dow Jones Newswires, rispettate e seguite dagli operatori di mercato, hanno rilanciato la notizia, provocando il crollo dei titoli alla Borsa di Parigi. Le autorità di controllo dei mercati francesi stanno indagando sul “grave episodio di malfunzionamento del mercato”.

Dopo la pubblicazione e il rilancio della notizia (inventata di sana pianta) il titolo è crollato a picco martedì scorso, accusando un calo del -18,28% in pochi minuti. Anche se i prezzi si sono poi ripresi nei giorni successivi, nelle sale operative finché non si concluderanno le indagini rimarrà sempre il dubbio che nella notizia fasulla ci fosse del vero. È una storia decisamente anomala per i mercati finanziari, un inedito per la Francia e anche per l’Europa, che ancora deve trovare la sua conclusione. Vinci da parte sua ha intentato causa contro ignoti.