Variante Omicron: Goldman traccia quattro possibili scenari di impatto su economia

29 Novembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Venerdì scorso, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha designato Omicron come una variante Covid preoccupante. L’emergere di questa nuova incognita ha destabilizzato i mercati e altre attività di rischio in quanto potrebbe avere riflessi sulla futura traiettoria di crescita economica.

Gli economisti della Goldman Sachs hanno individuato quattro scenari in merito al potenziale impatto sulla crescita economica globale, aggiungendo che è troppo presto per dare previsioni dato che non è ancora chiaro quale è più probabile che si verifichi.

I quattro possibili scenari secondo Goldman Sachs

Lo scenario negativo vede la variante Omicron trasmettersi più velocemente del predecessore, la variante Delta. Questo si traduce in un rallentamento della crescita globale del primo trimestre ad un 2% o circa 2,5 punti percentuali al di sotto delle attuali previsioni di Goldman. Per il 2022 nel suo complesso, l’economia globale si espande ancora del 4,2%, o 0,4 punti percentuali al di sotto delle attuali previsioni, mentre le prospettive di inflazione sono “ambigue”. Il grave rovescio della medaglia in questo caso è sia la gravità della malattia che l’immunità contro i ricoveri che sono sostanzialmente peggiori rispetto al delta. La crescita economica globale subisce un colpo più sostanziale, mentre “l’impatto dell’inflazione è di nuovo ambiguo”.

In un secondo e meno probabile scenario “gravemente negativo“, sia la gravità della malattia e l’immunità contro i ricoveri sono sostanzialmente peggiori di quelle del Delta.

Nello scenario del falso allarme, Omicron potrebbe diffondersi più lentamente di Delta e non ha effetto significativo sulla crescita globale e sull’inflazione.

Infine, lo scenario positivo vede Omicron leggermente più trasmissibile, ma causa una malattia molto meno grave. In questo scenario di “normalizzazione” si andrebbe verso una riduzione netta della gravità della malattia lasciando la crescita globale superiore a quella base di Goldman. L’inflazione sarebbe probabilmente più bassa perché il riequilibrio della domanda e la ripresa dei beni e del lavoro accelerano” “Il risultato è che Omicron potrebbe avere effetti considerevoli sulla crescita, ma che la gamma dei risultati medici e quindi economici risultati rimangono insolitamente ampi” sottolineano gli economisti di Goldman guidati da Jan Hatzius.

In virtù della possibilità di un falso allarme e dell’elevata incertezza su quale scenario prevarrà, Goldman al momento propende per non apportare cambiamenti legati ad Omicron alle previsioni di crescita, inflazione e previsioni di politica monetaria fino a quando la probabilità di questi scenari sia diventata un po’ più chiara”. Quello che verrà dopo sarà probabilmente dettato da ciò che gli scienziati scoprono sulla nuova variante Covid-19, compreso quanto è resistente ai vaccini e quanto è più trasmissibile rispetto alla variante delta, che ha imperversato negli ultimi mesi senza mandare le economie verso la recessione.