16:47 mercoledì 1 Febbraio 2017

Valore banche della Cina per la prima volta più alto rispetto agli Usa

Mentre si attende il sorpasso della Cina sugli Stati Uniti in fatto di Pil – è solo questione di tempo – Pechino ha raggiunto un traguardo di simile valenza storica in ambito finanziario. Il valore complessivo di tutti i brand della Cina del settore bancario ha superato per la prima volta quello delle banche americane.

È il risultato più eclatante della classifica dell’indice Brand Finance Banking 500 pubblicato oggi. Dopo lo scandalo sulla truffa ai danni della clientela, Wells Fargo perde il suo status di brand di maggiore valore al mondo e viene scalzata dalla cinese ICBC, che dopo una crescita del 32% ora vale 47,8 miliardi di dollari.

I marchi delle banche cinesi rappresentano ben il 24% ($258 miliardi) del valore complessivo dell’indice stilato dalla società di consulenza Brand Finance, mentre gli istituti di credito degli Stati Uniti si fermano al 23%.

Breaking news

17:39
Piazza Affari chiude a -0,6%, Saipem sugli scudi (+4%)

Finale negativo a Piazza Affari, con Saipem in controtendenza. A Wall Street focus sulla Fed in attesa delle minute e dei conti di Nvidia

16:29
Wall Street, apertura cauta: S&P -0,15%

Apertura poco mossa dei mercati a Wall Street in attesa della trimestrale di Nvidia e dei verbali della Federal Reserve.

15:30
Nintendo acquisisce lo sviluppatore di videogiochi Shiver Entertainment

Il colosso giapponese dei videogiochi Nintendo ha annunciato l’acquisto dello sviluppatore americano Shiver Entertainment da Embracer Group, con impatto minimo sui risultati finanziari dell’anno fiscale in corso.

15:29
Petrolio, prezzi in calo: Brent a -1,42%, WTI scende dell’1,59%

I futures sugli indici petroliferi registrano un calo a causa delle previsioni di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti per un periodo prolungato, influenzati dall’inflazione persistente. Il Brent e il WTI hanno visto una diminuzione, mentre la Federal Reserve attende segnali più chiari di un rallentamento dell’inflazione prima di considerare riduzioni dei tassi.

Leggi tutti