Valeant Pharmaceuticals nei guai: accusati di tangenti e frode dirigenti di Philidor

17 Novembre 2016, di Daniele Chicca

La giustizia americana ha mosso le sue accuse di frode e corruzione contro i vertici delle farmacie Philidor, la cui scoperta ha aperto una grave crisi per Valeant Pharmaceuticals. L’indagine del Dipartimento Usa di Giustizia verte sulle sospette tattiche di vendita di Philidor, che si presume abbia dato istruzioni ai propri dipendenti su come cambiare le prescrizioni, e vede coinvolti il Ceo della società Andy Davenport e Gary Tanner, un altro dirigente, che avrebbe ricevuto dal primo una mazzetta da 10 milioni di dollari. Al cuore dello scandalo c’è una frode multi milionaria su alcuni prodotti medicinali.

Tanner era alla guida del team Access di Valeant, prima di accasarsi a Philidor dove ha contribuito alla creazione di una rete di partner nell’industria farmaceutica. L’inchiesta della procura federale di New York è incentrata sull’acquisto per 100 milioni di dollari da parte di Valeant di un’opzione per rilevare Philidor. Gli inquirenti stanno indagando anche sull’operato dell’ex CEO Micheal Pearson e l’ex CFO Howard Schiller. Il titolo Valeant Pharma, che aveva perso il 90% del suo valore in Borsa dopo lo scoppio dello scandalo Philidor, cede l’1,9% in avvio a Wall Street, attestandosi a 17,52 dollari.