Usa: ordini beni durevoli +1,8% a gennaio, ma alert per investimenti

27 Febbraio 2017, di Laura Naka Antonelli

Nel mese di gennaio, gli ordini dei beni durevoli degli Stati Uniti sono saliti dell’1,8%. Tuttavia, il rialzo è stato provocato quasi interamente dal balzo degli ordinativi per aerei militari e commerciali, stando a quanto risulta dai dati del dipartimento del Commercio. Il dato è stato lievemente migliore delle attese: gli analisti avevano previsto un rialzo +1,6%-1,7%.

In particolare, il boom degli ordini commerciali è stato pari a +70%, a fronte del balzo +60% degli ordinativi per i caccia e strumenti militari in generale. In crescita anche gli ordini di auto, saliti +0,2%.

Escludendo la componente dei trasporti, il dato ha segnato un calo -0,2%, il primo al netto dei trasporti in sei mesi.

Sono scesi infatti gli ordini aventi per oggetto i computer, le attrezzature elettriche, e i metalli necessari per la fabbricazione di prodotti dell’industria pesante. Il risultato è che il trend degli ordinativi core aventi per oggetto beni capitali – valore chiave per monitorare il trend degli investimenti – è stato negativo, con un ribasso a gennaio dello 0,4%: è stata la prima flessione in quattro mesi.

Ancora, le consegne di beni capitali core – valore chiave per il calcolo del Pil – hanno sofferto un calo ancora più forte, pari a -0,6%.