USA avvia indagine su tubi OCTG: capacità produttiva locale di Tenaris tale da compensare esiti avversi ( analisti)

23 Novembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

L’International Trade Commission USA (ITC) ha deciso di procedere con l’indagine sull’import di tubi OCTG dal Messico, Argentina, Russia e Corea del Sud. I dazi preliminari sono previsti per metà marzo 2022. Tenaris importa tubi in US dai suoi impianti in Messico e Argentina e secondo Equita, se l’investigazione dovesse limitare la capacità di Tenaris di importare da quei mercati ci potrebbe essere un impatto negativo. Tuttavia, continuano gli analisti, riteniamo che tale impatto sarebbe in gran parte compensato dalla significativa capacità produttiva dell’azienda in US e da prezzi più alti. “Riteniamo quindi che Tenaris abbia capacità produttiva locale in US per compensare eventuali esiti avversi, riducendo l’import dell’Argentina e dal Messico con un aumento della produzione dai suoi impianti USA, ma in tal caso potrebbero esserci dei costi di ramp-up straordinari per l’aumento produttivo”. “Nelle nostre stime 2022, dice Equita, stiamo già conservativamente assumendo un EBITDA margin del 19% contro il 21% del primo trimestre 2022” e restano positivi sul titolo visto il momentum favorevole per il settore OCTG in USA (sia in termini di prezzi che volumi) e una valutazione attraente.