Ubi banca: utili 2015 e dividendi in rialzo. Calano crediti deteriorati

11 Febbraio 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Un buon risultato per Ubi Banca che chiude l’esercizio 2015 con un utile netto pari a 195,1 milioni e una progressione del 33,2% sull’anno precedente al netto delle componenti non ricorrenti.

Cresce anche il dividendo della banca e agli azionisti verrà proposta una cedola da 11 centesimi per azione rispetto agli 8 centesimi dell’anno scorso.

Il risultato netto consolidato ammonta a 116,8 milioni rispetto alla perdita di 752 milioni del precedente esercizio a seguito della contabilizzazione di 883 milioni di impairment. Nel corso dell’esercizio Ubi ha rafforzato i coefficienti patrimoniali. Il Cet1 phase in sale al 12,08% rispetto al requisito Srep del 9,25%. Il Cet1 fully loaded si attesta all’11,62%.

Migliora la situazione delle sofferenze. I crediti deteriorati lordi sono scesi dell’1,6% a 13,4 miliardi mentre quelli netti sono calati dell’1,9% a 9,7 miliardi. In forte flessione i nuovi flussi da crediti in bonis a crediti deteriorati, nel quarto trimestre -15% sul precedente e -25% su base annua,