Turchia lascerà entrare rifugiati in Europa se non ottiene visti per i suoi cittadini

1 Agosto 2016, di Alessandra Caparello

ANKARA (WSI) – Se la Turchia non otterrà il visto perché i suoi cittadini possano entrare nei paesi europei, il governo di Ankara non riconoscerà più la convenzione stretta con Bruxelles sui rifugiati firmata a metà marzo, che aveva come obiettivo primario quello di mettere fine alla migrazione irregolare dalla Turchia all’Ue. Ciò vorrebbe dire che i rifugiati in transito per la Turchia verranno lasciati liberi di entrare in Unione Europea.

La minaccia è arrivata dal ministro turco degli esteri. Intervistato dal giornale tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, Mevlut Cavusoglu ha sottolineato come la concessione dei visti per i cittadini turchi è prevista dagli accordi stretti il 18 marzo. Con la controversa intesa, oltre alla liberalizzazione dei visti, la Turchia ha ricevuto tre miliardi di fondi Ue per poter accogliere i rifugiati.

“Se non si arriva alla liberalizzazione dei visti (per i cittadini turchi) dovremo ricusare l’accordo sui rifugiati (…)”. La Turchia spera di ottenere i visti europei per i suoi cittadini a inizio o a metà ottobre: “stiamo ancora aspettando di avere una data precisa”.