The Italian Sea Group: preconsuntivi 2022 nella parte alta della guidance, definisce target 2023-24

24 Gennaio 2023, di Redazione Wall Street Italia

The Italian Sea Group, operatore globale nel settore della nautica di lusso, ha approvato i risultati consolidati preconsuntivi al 31 dicembre 2022 e lo Strategic Outlook 2023 -2024.
Tutti i principali indicatori nella parte alta o oltre la guidance 2022. Nel dettaglio, i ricavi totali si attestano a 295 milioni, in crescita del 59% su base annua, principalmente grazie a un aumento del numero dei contratti e al progress delle navi attualmente in costruzione. Si aggiungono inoltre il consolidamento nel segmento dei grandi yacht a vela e la forte spinta della domanda per la divisione NCA Refit, che hanno contribuito a un ulteriore incremento dei ricavi.
Il valore complessivo del portafoglio ordini al 31 dicembre 2022 (Shipbuilding e Refit) è pari a 1.038 milioni.
L’Ebitda preconsuntivo al 31 dicembre 2022 è pari a 47 milioni, in significativo miglioramento rispetto ai 28 milioni al 31 dicembre 2021, con un Ebitda Margin pari al 15,9% rispetto al 15% dell’esercizio 2021.
Nel corso dell’anno, TISG ha realizzato Investimenti per 22 milioni, principalmente relativi ai due piani di investimento “TISG 4.0” e “TISG 4.1” per l’ampliamento della capacità produttiva all’interno della sede di Marina di Carrara.
La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2022 è negativa per 11 milioni rispetto alla pfn positiva per 41 milioni del 31 dicembre 2021. Tale risultato riflette l’esborso di 75 milioni per l’acquisizione del complesso aziendale Perini Navi, gli investimenti sostenuti nel corso del 2022 e il pagamento di dividendi per 9,8 milioni.
Lo Strategic Outlook 2023-2024 prevede una significativa crescita organica e beneficia dell’attuale struttura del gruppo e dell’importante apporto dovuto all’integrazione di Perini Navi e agli asset da essa derivanti, alle importanti partnership siglate con i principali broker della nautica, brand del lusso e alla struttura di vendita capillare con perimetro globale.
Gli obiettivi di crescita del gruppo prevedono ricavi tra 350 e 365 milioni con un Ebitda Margin tra il 16 e il 16,5% nel 2023 e ricavi tra i 400 e i 420 milioni con un Ebitda Margin tra il 17 e il 17,5% nel 2024.
Con riferimento alla struttura del capitale e alla politica dei dividendi, l’obiettivo per il 2023 e il 2024 è di mantenere una leva finanziaria neutrale, con un limite massimo di 1,5x l’Ebitda, e di distribuire un dividendo annuale con un payout intorno al 40-60% dell’utile netto del gruppo. Tali politiche sono soggette ad impatti temporanei legati alla strategia di CapEx e di M&A.