Usa: “taglio tasse sarà retroattivo”, verso compromesso sulla corporate tax

13 Settembre 2017, di Mariangela Tessa

In attesa della tanto agognata riforma fiscale, il ministro del Tesoro americano, Steven Mnuchin, in un’intervista alla CNBC, ha annunciato che il taglio retroattivo delle tasse “potrebbe in ogni caso scattare dall’inizio del 2017”. Donald Trump vorrebbe un taglio della corporate tax dal 35 al 15%, ma il Congresso sembra disposto a raggiungere un compromesso su un’aliquota del 23%.

L’ex finanziere di Wall Street si è mostrato più cauto rispetto ai mesi scorsi, specificando che la riduzione delle aliquote dovrà comunque misurarsi con la tenuta dei conti pubblici e con la nota allergia Repubblicana ad aumentare il debito degli Stati Uniti, che ieri per altro ha superato la soglia record di 20 mila miliardi di dollari.