Spectrum Markets: i volumi superano i 100 milioni

5 Maggio 2020, di Mariangela Tessa

Spectrum Markets, mercato pan-europeo per i certificati pensato per gli investitori individuali, ha oltrepassato la soglia dei 100 milioni di certificati scambiati dal suo lancio nell’ottobre 2019, grazie a un progressivo e continuo aumento dei volumi in ciascuno dei suoi sette mesi consecutivi di full trading. In aprile i volumi si sono attestati a 28,1 milioni, in aumento del 5,6% rispetto al mese precedente.

“Il raggiungimento del traguardo dei 100 milioni di strumenti scambiati su Spectrum Markets rappresenta un momento di orgoglio per il nostro giovane mercato”, dichiara Nicky Maan, CEO di Spectrum Markets. “Dall’avvio degli scambi a ottobre 2019, i volumi hanno continuato a crescere mese dopo mese, riflettendo una sempre maggiore fiducia sulla stabilità della nostra tecnologia e sul nostro approccio innovativo. L’aumento dei volumi nelle ultime settimane è un’ulteriore dimostrazione che gli investitori stanno utilizzando Spectrum Markets per poter trarre pieno beneficio delle opportunità che si vengono a creare in condizioni di mercato volatili”.

La quota di scambi oltre l’orario tradizionale (ovvero tra le 17:30 e le 09:00) è stata del 40,7%. Nei giorni di maggiore volatilità, fino al 20% dei volumi di scambio totali hanno avuto origine da prodotti di nuova emissione, lanciati grazie all’opzione di emissione infragiornaliera.

Nel dettaglio, i volumi degli scambi in aprile si sono così suddivisi: l’84,4% del totale è attribuibile ai certificati sugli indici (marzo: 90%), l’8,2% a quelli sulle valute (marzo: 7%) e il rimanente 7,4% agli strumenti sulle materie prime (3% a marzo).

L’indice svedese OMX si è preso il primo posto tra i sottostanti che hanno registrato maggiori scambi con una percentuale del 22,5%, seguito dall’S&P 500 (21,9%) e dal DAX tedesco (19,7%). Tutti i 21 sottostanti sono stati scambiati (overview).

Dal suo lancio, i prodotti di Spectrum Markets sono disponibili nei seguenti dieci paesi: Germania, Francia, Italia, Spagna, Svezia, Norvegia, Paesi Bassi, Irlanda, Finlandia e Belgio.