SocGen e accuse corruzione, concordato pagamento da 1 miliardo

6 Giugno 2018, di Alberto Battaglia

La banca francese Société Générale (SocGen) e una delle sue sussidiarie hanno comunicato di aver accettato il pagamento di sanzioni per risolvere i casi di corruzione in Libia (nell’era Gheddafi): l’ammontare complessivo supera il miliardo di dollari. Lo rende noto una dichiarazione rilasciata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Il sostituto procuratore generale John Cronan ha detto lunedì: “Per anni, Société Générale ha minato l’integrità dei mercati globali e delle istituzioni straniere emettendo dati finanziari falsi e proteggendo fraudolentemente i contratti attraverso la corruzione”. Il procuratore degli Stati Uniti, Richard Donoghue, ha affermato che la risoluzione “invia un messaggio forte alle istituzioni finanziarie che si occupano di corruzione e manipolazione nei mercati finanziari che saranno ritenute responsabili”.

La banca ha raggiunto un accordo con le autorità francesi in relazione al regime di corruzione in Libia per pagare una penale altrimenti pagabile agli Stati Uniti. È la prima risoluzione coordinata delle autorità statunitensi e francesi in un caso di corruzione all’estero.

Secondo il Dipartimento di Giustizia, tra il 2004 e il 2009, la controllata SGA Societe Generale Acceptance ha pagato un broker libico di 90 milioni di dollari per incanalare tangenti a funzionari di alto livello e assicurare 3,7 miliardi di investimenti dalle agenzie statali libiche, e realizzando in tal modo 523 milioni di profitti.