Shanghai: vendite scatenate, perdite fino a -7%. Allarme liquidità

25 Febbraio 2016, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Azionario cinese sotto attacco, si avvia a soffrire la perdita più forte in un mese, sulla scia delle vendite che colpiscono soprattutto i titoli tecnologici e delle small cap. Timori sul balzo dei tassi sul mercato monetario, che segnalano una contrazione della liquidità, alimentando le preoccupazioni sul rischio che i recenti rialzi di Shanghai siano stati eccessivi, a fronte dell’outlook sull’economia e gli utili corporate della Cina.

Lo Shanghai Composite Index è crollato oltre -5%, mentre l’indice delle small cap, il ChiNext, è scivolato -6,8% dopo che il tasso overnight, termometro della liquidità del sistema finanziario, ha riportato il rialzo maggiore dallo scorso 6 febbraio, il giorno prima della settimana di celebrazioni del Capodanno Lunare.

In particolare l’indice ChiNext, che comprende soprattutto titoli di società hi-tech e di consumo – ha accusato la perdita più sostenuta in un mese, scendendo al di sotto delle medie mobili a 15 e 30 giorni.