Sandberg chiese chiarimenti su possibile “short” di Soros su Facebook

30 Novembre 2018, di Alberto Battaglia

Il caso che vede contrapposti Facebook e George Soros vede aggiungersi un nuovo tassello: la Coo del social network, Sheryl Sandberg, avrebbe chiesto di verificare se il finanziere stesse vendendo allo scoperto le azioni Facebook nel momento in cui dal World Economic Forum di Davos il miliardario si esprimeva con toni critici sull’azienda. Facebook ha informato che Sandberg ha inviato una e-mail interna chiedendo informazioni sul comportamento del magnate.

Sandberg era già stata indicata come una delle responsabili dell’assunzione della società di consulenza Definers, di stampo repubblicano, che avrebbe gettato disinformazione sui social a danno dei contestatori della piattaforma – che in quel momento era nel mirino per via dello scandalo sul trattamento dei dati personali. Già in tale frangente il nome di Soros era spuntato: fra le strategie di diffamazione utilizzate si era associato il movimento di contestazione al denaro di George Soros, tramite la Open Society Foundation.

L’email con la quale la Sandberg avrebbe richiesto informazioni su Soros non sarebbe stata inviata a Definers, ha precisato la società.