Retail in crisi profonda: J.C. Penney lancia profit warning

27 Ottobre 2017, di Daniele Chicca

Il comparto retail tradizionale è in crisi profonda e non solo negli Usa. Mentre il gigante dell’e-commerce Amazon straccia le previsioni trimestrali con il titolo che corre in Borsa, il settore retail fa sempre più fatica a tenere il passo e a ottenere risultati decenti. Il gruppo americano J.C. Penney, cui fanno capo circa un migliaio di punti vendita nel paese, ha lanciato oggi un profit warning, riducendo le previsioni sugli utili per l’esercizio fiscale annuale in corso.

J. C. Penney ha svelato di essere stata costretta ad abbassare i prezzi dei prodotti in vendita nei suoi negozi, in particolare per quanto riguarda i capi di abbigliamento femminile, per provare a incrementare le vendite nei mesi di settembre e ottobre che precedono la cruciale stagione delle festività di fine anno.

La decisione dell’azienda ha portato inevitabilmente a una contrazione della redditività del gruppo. I titoli hanno accusato un calo di anche il 15% nel preborsa. Pagano dazio anche le società concorrenti del settore delle vendite al dettaglio come Macy’s e Kohl’s. Il timore è che tutto il settore (a meno che non si tratti di un’azienda che fa affari online, come Amazon) stia registrando risultati deludenti o comunque meno buoni dell’anno precedente.