Popolare Vicenza, sequestro beni Zonin per 176 milioni

21 Febbraio 2018, di Livia Liberatore

Il giudice dell’udienza preliminare del processo per Popolare Vicenza, Roberto Venditti, nel provvedimento del 15 febbraio scorso con cui dispone un sequestro conservativo per quasi 176 milioni di euro, ha affermato che Gianni Zonin e altri cinque ex manager e consiglieri di amministrazione della Popolare Vicenza intestarono beni a mogli e figli, dopo l’apertura dell’inchiesta sul crac della banca, “in pregiudizio e in danno ai creditori”.