07:54 mercoledì 7 Dicembre 2016

Pop Vicenza, ex patron di Mps Fabrizio Viola è stato nominato nuovo AD

Fabrizio Viola è il nuovo amministratore delegato di Banca Popolare di Vicenza. Il CdA riunitosi ieri sotto la presidenza di Gianni Mion ha cooptato l’ex Ceo di Mps e Pop Emilia. Il voto a favore di Viola, del cui profilo è piaciuta l’esperienza pluriennale al vertice di diverse banche italiane, anche in contesti di ristrutturazione e rilancio dell’attività, è stato unanime.

Viola ha già lavorato per Pop Vicenza, in qualità di direttore generale della banca. Nel periodo 1990-2001 il manager ha ricoperto cariche nel gruppo IMI, nel gruppo Fondiaria e, appunto, alla Banca Popolare di Vicenza.

“La nomina di Fabrizio Viola” – ha dichiarato il Presidente Gianni Mion – “sottolinea la volontà di rafforzare il processo di rilancio, anche nella prospettiva della definizione del piano di fusione con Veneto Banca, da sottoporre in tempi brevi all’Autorità di Vigilanza e agli azionisti”.

Breaking news

12/07 · 17:43
Piazza Affari chiude a +0,8% al termine di una settimana positiva

Piazza Affari chiude in rialzo dello 0,8%. Focus sui prezzi alla produzione Usa e le trimestrali delle banche americane

12/07 · 17:28
Lufthansa scivola a Francoforte dopo la revisione al ribasso delle previsioni sugli utili per il 2024

Lufthansa ha rivisto al ribasso le previsioni sugli utili per il 2024, prevedendo un utile operativo rettificato inferiore alle aspettative iniziali. La compagnia aerea tedesca ha anche annunciato l’avvio di un programma di turnaround completo per affrontare le sfide attuali.

12/07 · 16:23
Inflazione stabile in Italia per il 2025-2026: le previsioni di Bankitalia

Bankitalia prevede che l’inflazione al consumo si manterrà su livelli contenuti, con un tasso dell’1,1% quest’anno e poco più dell’1,5% nel biennio 2025-26. La disinflazione è più lenta nei servizi, specialmente nel turismo.

12/07 · 16:17
Wall Street apre in rialzo: Dow Jones a +0,32%, S&P 500 guadagna lo 0,14%

Wall Street apre in lieve rialzo, sostenuta dai risultati delle trimestrali bancarie e dai dati sui prezzi alla produzione. L’inflazione mostra segnali contrastanti, alimentando l’ottimismo su un possibile taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

Leggi tutti