Pil Australia +0,7% nel secondo trimestre, meglio stime. Ma con nuovi lockdown analisti temono peggioramento

1 Settembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Il Pil dell’Australia del secondo trimestre batte le stime, ma gli analisti concordano sul fatto che le recenti restrizioni introdotte per contrastare la diffusione della variante Delta devono ancora dispiegare i loro effetti. L’Ufficio nazionale di statistica dell’Australia ha annunciato che, nel secondo trimestre terminato a giugno del 2021, il Pil è salito dello 0,7%.

Il dato è stato migliore del +0,5% atteso dal consensus, e successivo al +1,8%.

Su base annua, l’espansione è stata pari a +9,6% per il cosiddetto ‘base effect’, ovvero per il fatto che il Pil del secondo trimestre del 2020 era stato eccezionalmente basso a causa del lockdown nazionale anti-Covid imposto dalle autorità.

Il trend è stato superiore al +9,2% atteso e in forte accelerazione rispetto al precedente rialzo dell’1,1%.

L’economia australiana viaggia ora a un valore superiore dell’1,6% rispetto al periodo pre-pandemia.