Piazza Affari cauta a fine agosto, balzo inflazione scalda i bancari

31 Agosto 2021, di Redazione Wall Street Italia

Ultima seduta di agosto senza scossoni per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib cede oggi lo 0,06% a 26.009 punti e non accodandosi ai nuovi record registrati da Wall Street. Neanche il balzo oltre le attese dell’inflazione dell’area euro (+3%, top dal 2011) ha smosso più di tanto gli investitori che non vedono modifiche in arrivo per la politica monetaria della Bce (prossimo meeting il 10 settembre).

Il sussulto dell’inflazione ha comunque scaldato un po’ il settore bancario (+1,2% Intesa, +1,53% Bper e +0,65% Unicredit).

Sul parterre di Piazza Affari si segnala invece il ritracciamento di STM (-0,53%) che ieri aveva chiuso sui massimi a 19 anni.

Calo nell’ordine di mezzo punto percentuale anche per Stellantis che dopo stop alla produzione delle fabbriche di Sevel, Atessa e Pomigliano, Stellantis è stata costretta a fermare anche lo stabilimento di Melfi, il più grande degli stabilimenti del Gruppo in Europa. Stando a quanto riferisce Il Sole 24 Ore, la riapertura slitta al 13 settembre e si potrà garantire la produzione soltanto per cinque giorni, poi toccherà fermarsi per carenza di componenti elettroniche.