Petrolio: rally oltre +5% nonostante Iran. “Illogico” chiederci taglio produzione

17 Febbraio 2016, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Acquisti scatenati sul mercato del petrolio , nonostante le notizie contrastate che arrivano dal fronte dei paesi Opec e non.

Stando a quanto segnala Reuters sulla base del contenuto del quotidiano iraniano Shargh, il rappresentante dell’Opec per l’Iran ha affermato che Teheran continuerà ad aumentare la propria offerta fino a quando non riuscirà a riportarla al livello precedente l’imposizione delle sanzioni. Il rappresentante ha anche affermato che la richiesta di congelare il rialzo della produzione di petrolio dell’Iran “è illogica” e che tocca a quei paesi che hanno alzato l’offerta dal 2011 ridurla, al fine di consentire il recupero dei prezzi.

Altri rumor secondo cui l’Iran comunque è a favore di un taglio della produzione purché interessi tutti gli altri paesi stanno sostenendo le quotazioni del petrolio.

Il contratto WTI balza oltre +5% oltre $30 al barile, mentre il Brent fa +5,72% a $34,02.