Petrolio, proseguono le vendite. Wti sotto quota $60

27 Giugno 2019, di Mariangela Tessa

Continua la fase dei debolezza del petrolio con i Wti che resta sotto i 60 dollari al barile (59,15 dollari al barile con un lieve calo dello 0,39%). Il Brent cede lo 0,3% a 66,29 dollari. Sui prezzi pesano i timori attorno a una possibile svolta nelle trattative commerciali tra Usa e Cina al G20 e timori di un’ampia offerta nonostante la prospettiva di continue riduzioni della produzione di petrolio da parte dell’Opec.

Trump ha lasciato aperta la porta alla possibilità che un accordo possa essere raggiunto durante il G20 del weekend in Giappone, ma ha detto che imporrà nuovi dazi alla Cina se non si raggiungerà un accordo commerciale con il leader cinese Xi Jinping.

“Un collasso delle trattative avrà un impatto negativo sia sul mercato finanziario sia sul petrolio, ma l’ondata di vendite di asset rischiosi dovrebbe avere vita breve”, ha detto alla Reuters Tamas Varga di PVM, aggiungendo che “Gli investitori che sperano in un rialzo del petrolio dovrebbero aspettare almeno fino alla metà della prossima settimana, prima di accelerare le vendite”.