Petrolio: prezzi in salita nonostante Opec+ abbia aumentato produzione

6 Dicembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

I prezzi del petrolio sono saliti dopo che l’Arabia Saudita ha aumentato i prezzi del suo greggio venduto in Asia e negli Stati Uniti, e dopo che i colloqui indiretti tra Stati Uniti e Iran sul rilancio di un accordo nucleare sembrano aver raggiunto un’impasse.
I futures del greggio Brent hanno guadagnato 1,61 dollari, o 2,3%, a 71,49 dollari al barile, mentre il West Texas Intermediate era a 67,89 dollari al barile, in aumento di 1,63 dollari, o 2,5%.
Gli aumenti dei prezzi sono stati attuati nonostante la decisione della scorsa settimana dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e dei loro alleati, compresa la Russia ,il gruppo noto come OPEC+, di continuare ad aumentare l’offerta mensile di 400.000 barili al giorno a gennaio. I prezzi sono stati sostenuti anche dalla diminuzione delle prospettive di un aumento delle esportazioni di petrolio iraniano dopo che i colloqui indiretti tra Stati Uniti e Iran per salvare l’accordo nucleare iraniano del 2015 si sono interrotti la scorsa settimana.
Secondo l’Iran, la sfida principale per un accordo è la riluttanza degli Stati Uniti a rimuovere tutte le sanzioni, mentre le potenze occidentali hanno messo in dubbio la determinazione di Teheran a salvare l’accordo.