Petrolio: la Russia viaggia verso record di produzione

2 Dicembre 2015, di Alessandra Caparello

MOSCA (WSI) – La produzione di petrolio della Russia nel mese di novembre si è avvicinata al record raggiunto nel periodo post-sovietico, scrollandosi così di dosso la crisi del ribasso del prezzo del greggio.

Secondo i dati del CDU TEK, l’unità del Ministero dell’energia russo, la produzione di greggio e gas condensato ha raggiunto in media i 10.779 milioni di barili al giorno, in aumento dell’1,3 per cento rispetto all’anno precedente e leggermente sotto i 10.782 milioni di barili al giorno nel mese di ottobre da record. Le esportazioni di greggio ha raggiunto 5,32 milioni di barili di petrolio al giorno nel mese di novembre, un aumento di 11 per cento rispetto all’anno precedente e un calo del 2,4 per cento rispetto al mese precedente.

I dati giungono proprio prima che l’Opec si riunisca per la sua riunione annuale a Vienna. La Russia, che non è membro dell’OPEC, continua sulla strada per l’uscita del rublo indebolito che finisce per ridurre i costi per la foratura aiuta a compensare il prezzo più basso anche il sistema fiscale del paese.