Petrolio in forte calo mentre l’azionario si avvia a verso una chiusura pesante

19 Maggio 2021, di Alberto Battaglia

Il petrolio è in netto ribasso, tendenza rafforzata dalla crescita delle scorte di greggio statunitensi inferiori alle attese. Il barile Wti è in calo del 3,02% alle ore 15 e 20 italiane a quota 63,57 dollari; il Brent cede invece l’1,82% a 66,89 dollari al barile.  Nel frattempo i mercati azionari sono avviati verso forti perdite (lo Stoxx 600 cede l’1,88% mentre il Nikkei ha chiuso in calo dell’1,28%).

Negli Stati Uniti le forniture di petrolio sono aumentate a 620mila barili nella settimana al 14 maggio (contro gli 1,680 milioni previsti), ha dichiarato martedì l’American petroleum institute; le scorte di benzina sono scese di 2,8 milioni di barili e quelle di distialliti di 2,6 milioni di barili