Parole di Draghi deprimono le banche in tutta Europa

20 Novembre 2015, di Daniele Chicca

Banche italiane in preda alle vendite in Borsa. Pesano le parole ultra accomodanti di Draghi. Unicredit lascia sul campo quasi due punti percentuali, con Barclays che cita una debolezza patrimoniale e bassi ritorni. Male fanno anche Mediobanca e Intesa Sanpaolo. L’indice settoriale cede l’1,3%.

“Le parole ultra accomodanti di Draghi – dice Vincenzo Longo di IG – alimentano nuova pressione sulle banche che faranno sempre più fatica a recuperare margini di interesse. Ne fa le spese tutto il settore europeo oltre agli indici di Milano e Madrid che sono più influenzati dal comparto”.

Draghi ha promesso che la Bce farà di tutto per alimentare l’inflazione e rilanciare una ripresa che sebbene abbia basi più solide, non è ancora uscita definitivamente dalla crisi.