Parlamento Ue: niente accesso ai social solo prima dei 16 anni

16 Dicembre 2015, di Alberto Battaglia

Il Parlamento europeo andrà al voto martedì per decidere nuove regole sull’accesso degli degli adolescenti a servizi web come Facebook, Whatsapp e altri canali che utilizzano dati personali: l’accesso potrebbe diventare condizionato dal consenso dei genitori anche per ragazzi più grandi di 13 anni. Fino al compimento dei 16 anni di età.

Un emendamento dell’Unione Europea innalza infatti il vincolo d’età per il consenso al trattamento dei dati dai 13 a 16 anni: sotto tale soglia potrebbe essere concesso solo dai genitori (o da chi ne fa le veci). Il consenso su queste nuove restrizioni non è tuttavia unanime: Janice Richardson, ex coordinatrice del network European Safer Internet, ha dichiarato:

Sentiamo che spostare l’età per il consenso dei genitori da 13 a 16 anni priverò molti giovani delle opportunità sociali ed educative in molti modi, senza fornire maggiore (né inferiore) protezione