Padre fratelli Koch ha aiutato nazisti a costruire una raffineria

13 Gennaio 2016, di Alberto Battaglia

Il fondatore di una delle più grandi società non quotate americane, la Koch Industries, è stato alleato di Adolf Hitler e del Terzo Reich per la costruzione di una raffineria petrolifera; è scritto nel libro, “Soldi oscuri”, curato dalla firma del New Yorker, Jane Mayer.

Fred Koch, secondo quanto riportato nell’opera della Mayer, è stato assunto dal simpatizzante del Germania nazista William Rhodes Davis, perché aiutasse il Reich a costruire una delle più grandi raffinerie dell’anteguerra. Secondo il New York Times, che ha potuto vedere in anteprima le scoperte del libro, tale complesso costituiva “un ingranaggio industriale critico nella macchina da guerra di Hitler”.

Un portavoce delle Koch Industries ha fatto sapere che i fratelli Charles e David Koch (eredi di Fred e, peraltro, attivi in politica con i loro finanziamenti all’ala destra del partito Repubblicano), hanno rifiutato di rilasciare interviste alla Mayer e che “se il contenuto del libro riflette i precedenti articoli sulla Koch allora dobbiamo aspettarci profonde divergenze con la sua interpretazione dei fatti”.