Padoan: banche, “niente bail-out o ricorso a Fondo salva-stati, operiamo in ambito bail-in”

2 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

I non performing loans – ovvero i crediti deteriorati, che comprendono anche le sofferenze – non sono un problema soltanto per banche italianeLo ha detto il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan intervistato dalla Cnbc.

Padoan ha poi escluso un salvataggio delle banche da parte dei contribuenti in stile bail out, ricordando che i “bailout sono assolutamente esclusi nel sistema europeo”, e ha affermato anche che l’Italia non ricorrerà all’ESM, ovvero il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-stati, in quanto un ricorso a tale soluzione implicherebbe che l’economia italiana è in difficoltà, cosa che secondo il ministro non è vera. “Noi lavoriamo nell’ambito delle regole, ovvero nell’ambito del sistema bail-in. Dunque, stiamo lavorando con gli azionisti al fine di ricapitalizzare le banche”.

“La crescita sta migliorando, ma ovviamente è deludente” e “la politica deve fare di più, dobbiamo mobilitare tutti gli strumenti”.