19:13 lunedì 4 Marzo 2019

Bankitalia, Visco: l’oro della banca centrale non può essere venduto dallo stato

Secondo il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, l’oro gestito dall’istituto centrale non può essere venduto dallo stato per esigenze di bilancio. La precisazione segue le questioni sollevate dalla proposta di legge firmata dal leghista Claudio Borghi, il cui scopo è stabilire che la proprietà dell’oro è pubblica (benché la gestione sia affidata alla banca centrale).

L’oro è una piccola componente delle attività, è della Banca d’Italia e, come le riserve, non può essere usato come finanziamento monetario per il Tesoro, sono cose pacifiche”, ha detto il governatore durante il Board Forum di SpencerStuart, rispondendo a una domanda del moderatore Ferruccio De Bortoli.

“L’oro della Banca d’Italia ammonta tra 80 e 90 miliardi [di euro], a seconda del prezzo del giorno, è parte di attività complessive sui 900 miliardi, [costituisce una quota che vale] meno del 10%, il resto sono riserve valutarie. Poi ci sono altre attività, come i titoli di stato comprati nell’ambito del Qe“, ha aggiunto Visco.

Breaking news

17:38
Seduta debole in Europa, Piazza Affari a -0,3%

Piazza Affari chiude in calo, in linea con l’Europa. Migliorano le aspettative di inflazione della zona euro, in attesa del report di venerdì

17:05
Wall Street, Nasdaq supera i 17.000 punti e Nvidia guadagna il 4,7%

Il Nasdaq Composite ha superato per la prima volta la soglia dei 17.000 punti, registrando un rialzo dello 0,4%, grazie alla performance di Nvidia che ha guadagnato il 4,7%. Nel frattempo, lo S&P 500 rimane stabile, mentre il Dow Jones perde lo 0,4% tra preoccupazioni per inflazione e tassi d’interesse.

16:56
Benetton Group, via libera del CdA al bilancio 2023: perdita netta di 230 milioni di euro

Il Consiglio di Amministrazione di Benetton Group ha approvato il bilancio 2023, che mostra una perdita netta di 230 milioni di euro. L’assemblea dei soci si riunirà il 18 giugno per approvare il bilancio e rinnovare il board. Edizione, principale azionista, sosterrà il piano di rilancio con 260 milioni di euro.

15:31
Unicredit, completata la seconda tranche del programma di Buy-Back 2023

UniCredit ha dichiarato di aver acquistato 6.182.344 azioni proprie dal 20 al 24 maggio 2024, nell’ambito della Seconda Tranche del Programma di Buy-Back 2023. Il totale delle azioni acquistate raggiunge 13.606.784, pari allo 0,81% del capitale sociale, per un controvalore di 492.236.430,71 euro. Sul listino milanese, il titolo UniCredit rimane invariato a 36,38 euro.

Leggi tutti