Opec: Russia vuole che tutti rispettino accordi su taglio produzione petrolio

9 Dicembre 2016, di Daniele Chicca

La Russia è preoccupata che non tutti i paesi rispettino gli accordi presi con l’Opec sul taglio della produzione di barili di petrolio. I prezzi della materia prima crescono oggi sui mercati, sulle speranze che la riduzione dell’output possa essere apportata dai paesi che non fanno parte del cartello dei maggiori esportatori di petrolio, in parallelo ai limiti concordati con gli stati membri dell’Opec.

Secondo Reuters il governo della Russia vuole che vengano intavolati nuovi colloqui dopo la riunione dell’Opec e vista anche l’offerta eccessiva di petrolio del mese scorso. La Russia vuole assicurarsi che gli impegni presi per tagliare la produzione di greggio vengano rispettati al 100% e definisce “preoccupanti” i dati pubblicati sulla quantità di greggio estratto dall’Opec a novembre.