Nasce Human Versus Machine, la holding investirà su realtà web innovative

10 Settembre 2019, di Alberto Battaglia

Nasce Human Versus Machine (HVM), Holding che “guarda al futuro della tecnologia e al mondo del lavoro che verrà senza perdere di vista il ruolo chiave delle persone”.

 

La holding punta a diventare protagonista dell’Internet economy, sviluppando ed acquisendo aziende dal grande potenziale tecnologico e innovativo, dotate tutte quante di una propria identità e di un posizionamento definito sul mercato, ma accomunate dalla medesima mission.

Pane&Design, bc1, IDA sono le tre controllate del gruppo che si occupano rispettivamente di tech consulting, sviluppo di prodotti tecnologici basati su blockchain e influencer marketing. I confini delle aree coperte si allargano inoltre alle vendite online e ai servizi fieristici e congressuali con le aziende partecipate: Il Caffè Italiano, Hostess.it e Nextwin.

Nell’ambito della propria strategia di sviluppo nel settore della filantropia d’impresa, HVM ha altresì acquisito il 49% di CharityStars, piattaforma internazionale di riferimento per il mondo del terzo settore specializzata in aste di beneficenza online e nell’organizzazione di eventi di fundraising. Un market place della beneficenza con un giro di affari di 5 milioni di € nel 2018.

“Con la nascita della Holding”, dichiara il Ceo Domenico Gravagno, “intendiamo dotarci di una struttura solida in grado di fornire supporto e valore a tutte le aziende del gruppo. Contiamo di raggiungere (entro i prossimi 3 anni) un fatturato complessivo di 30 milioni di euro grazie al lancio di nuove iniziative imprenditoriali che stiamo già progettando e ad altre operazioni di M&A di realtà tecnologiche con alto potenziale ma prive risorse per esprimerlo. Rispetto all’acquisizione di CharityStars rappresenta un ulteriore passo avanti verso il nostro obiettivo di costruire un portafoglio di aziende solido, diversificato e dal forte impatto sociale”.

Obiettivi dichiarati della nuova holding sono aggiungere un turnover complessivo di 8 milioni di euro e un totale di 50 dipendenti, oltre 3 volte il risultato dell’esercizio precedente.