Nasce Faire.ai: intelligenza artificiale per ridurre i tempi di erogazione dei prestiti

30 Ottobre 2020, di Alberto Battaglia

Forte di un round di finanziamento da 1,5 milioni di euro da Banca Progetto, inizia l’avventura di Faire.ai, una startup che sfrutta l’open banking introdotto dalla direttiva PSD2 “come fonte e utilizzo dei dati, machine learning e AI per stimare il credit score dei consumatori e offrire finanziamenti istantanei”.

Faire.ai, si legge in un comunicato, gestisce l’intero ciclo di vita di un prestito e abilita le banche ad erogare in modo istantaneo attraverso un’unica API. La startup offre una piattaforma cloud che abilita banche partner e istituzioni finanziarie all’erogazione di prestiti istantanei, e ciò è possibile grazie all’open banking, che consente il recupero dei dati transazionali degli utenti. A questo punto entra quindi in gioco l’intelligenza artificiale che consente di definire il merito creditizio dell’utente. Infine, la piattaforma offre a partner finanziari integrazioni via API per approvazione istantanea dei prestiti.

Faire.ai, dunque, promette l’abbattimento del tempo medio di erogazione, che in condizioni normali varia tra i 5 e i 10 giorni lavorativi.