Musk perde 50 mld $ in due giorni, un altro tweet (questa volta non suo) mette KO Tesla

10 Novembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Elon Musk ha perso 50 miliardi di dollari di ricchezza nel gioro di due giorni. È il più grande calo di due giorni nella storia del Bloomberg Billionaires Index superando ampiamente il crollo di 36 miliardi di dollari della ricchezza di Jeff Bezos dopo il suo divorzio da MacKenzie Scott nel 2019.

Il mal concepito sondaggio lanciato da Musk su Twitter, che chiedeva ai suoi followers se cedere o meno il 10% della sua quota in Tesla per pagare le tasse (gli utenti del social hanno risposto affermativamente), ha scatenato la negatività sul titolo Tesla che lunedì è sceso di quasi il 5%.

A questo si è aggiunto un altro tweet, questa volta non dello stesso Musk, che ha fatto affondare Tesla di quasi il 12% ieri (complice anche la notizia del fratello Kimbal Musk ha venduto alcune azioni la scorsa settimana). A scuotere gli investitori è stato ‘The Big Short’ Michael Burry che accusa Elon Musk di voler vendere azioni per coprire i debiti personali. Stando a quanto riporta Business Insider, l’investitore che ha scommesso nel 2008 sullo scoppio della bolla mutui subprime ha affermato in un tweet (che non appare più sul suo profilo) che Musk ha bisogno di soldi per i prestiti che ha contratto usando le sue azioni Tesla. Questa pratica ha attirato un esame approfondito questa estate dopo che un’indagine di ProPublica ha dettagliato come alcuni ricchi del mondo hanno preso in prestito le loro azioni per ridurre al minimo i loro oneri fiscali.

“Riguardo a ciò che @elonmusk DEVE vendere a causa della proposta di imposta sui guadagni non realizzati, o per #solveworldhunger, o … beh, c’è la questione del denaro esentasse che ha preso sotto forma di prestiti personali garantiti da 88,3 milioni delle sue azioni al 30 giugno”, è il contenuto del tweet di Burry.

Nel 2° trimestre 2021 lo stesso Burry aveva aumentato le sue scommesse ribassiste su Tesla. “Il mio ultimo Big Short è diventato sempre più grande e ancora più GRANDE”, twittò a inizio 2021 il numero uno della della Scion Asset Management dopo che il titolo Tesla era salito di circa il 740% nel 2020.

A pagare lo scotto del violento sell-off su Tesla è anche ARK Investment Management di Cathie Wood, i cui fondi hanno una forte esposizione sulle azioni di Tesla. Stando a quanto riporta Bloomberg, i fondi ARK hanno perso più di 750 milioni di dollari nel selloff di martedì, mentre il fondatore di Oracle, Larry Ellison, secondo azionista individuale di Tesla, ha perso 2,1 miliardi di dollari.