Mps, la grande esclusa da UniCredit di Orcel sarà proprio la sua banca d’affari?

27 Agosto 2021, di Redazione Wall Street Italia

Dal perimetro delle attività di Mps che saranno rilevate da UniCredit di Andrea Orcel, rimarrà fuori, addirittura, la banca d’affari, ergo Mps Capital Services? Il rischio c’è, stando a quanto scrive Rosario Dimito su Il Messaggero nell’articolo “Mps, si delinea il perimetro UniCredit. La banca d’affari rischia di restare fuori”.

Intanto, una premessa: non è stato ancora deciso quali asset di Mps andranno a far parte della galassia di Piazza Gae Aulenti. Tra le poche certezza, si fa strada quella dell’allungamento dei tempi, dunque una proroga dell’esclusiva oltre la scadenza del 7 settembre. E questo non solo “per la politica interessata a scavallare le elezioni suppletive del 3 ottobre, ma perchè la due diligence si sta rivelando molto complessa anche relativamente alle controllate”. Tra le controllate, c’è per l’appunto Mps Capital Services, ovvero la Corporate & Investment Bank che a sede a Firenze e uffici Milano, Roma, Siena.

Il quotidiano romano scrive: “Al di là degli NPL, contenziosi, rischi legali, 150 filiali situate in aree dove si creerebbe eccedenza di quote di mercato, l’esclusione della banca d’affari dal perimetro rappresenterebbe davvero una novità sorprendente, perché essa fa parte del cuore di Montepaschi”. Che fine farebbe la banca d’affari senesi, nel caso in cui i rumor dovessero concretizzarsi? E perchè questa esclusione? Mps Capital Services, sottolinea il Messaggero, verrebbe vista come “una sorta di doppione del Cib di UniCredit”.

Così Luigi Pedone di Equita SIM, commentando le indiscrezioni del quotidiano, secondo cui Mps Capital Services potrebbe finire per essere integrata assieme a circa 150 filiali (presumibilmente nel Sud Italia) nelle attività di Mediocredito Centrale. Con la due diligence in corso e l’incertezza relativa alla definizione del perimetro di interesse di UniCredit, riteniamo prematuro avanzare ipotesi in merito all’entità dell’aumento di capitale su Mps e su come questo possa poi eventualmente influire sulla base azionaria di UniCredit”.

Nelle rassegne stampe dedicate alla finanza, Mps continua a essere insomma grande protagonista, in attesa di capire cosa Orcel abbia intenzione davvero di fare e/o di rilevare. Ma Mps in quanto patata bollente del governo Draghi figura anche tra i nomi altisonanti di quel bacino di “tavoli di crisi” , che comprende Ilva, Alitalia. Le cosidette “zavorre contiane”, come scrive Stefano Cingolani su “Il Foglio”, riferendosi all’eredità del governo giallorosso M5S-PD guidato da Giuseppe Conte.

“Quanto pesa la zavorra lasciata dal governo Conte e quanto ingombrano le bandierine che i partiti stanno piantando sul Pnrr?” Cingolani scrive che “l’ultimo mal di testa è scoppiato con i conti dell’Ilva; che andasse male era scontato, ma viste nero si bianco le cifre impressionano anche perchè adesso se ne deve far carico il bilancio pubblico. Si fa presto a dire nazionalizzazione se poi a pagare sono in ultima istanza i contribuenti. Ciò vale per il Montepaschi e per l’Alitalia”.