Mps: in caso di crisi 13 miliardi saranno soggetti al bail-in

24 Novembre 2016, di Daniele Chicca

In caso di risoluzione di Mps le passività assoggettabili a un eventuale ricorso al regime di bail-in sarebbero pari a 13 miliardi di euro. Lo ha spiegato la banca ai soci di Mps riuniti a Siena per l’assemblea propedeutica all’approvazione dell’aumento di captiale da 5 miliardi di euro.

Nel complesso le passività potenzialmente interessate raggiungerebbero i 64,8 miliardi. Il contributo teorico del Fondo di risoluzione in una eventuale ricapitalizzazione di Mps di emergenza, sempre in base ai numeri del bilancio dell’esercizio 2015, sarebbe pari a 8 miliardi.

Mentre i lavori dell’assemblea straordinaria di Mps durante la quale verrà votato l’aumento di capitale da 5 miliardi sono sospesi fino alle 14.30, il titolo guadagna circa l’8% in Borsa. Da inizio anno, tuttavia, l’azione della banca più antica al mondo ha perso circa l’81% del valore. Il raggiungimento del quorum del 20% non rappresenta più un rischio. La base azionista è molto frammentata dopo due ricapitalizzazioni del valore complessivo di 8 miliardi varate tra il 2014 e il 2015.