MPS a fianco dei giovani con il Talent Day. Prima tappa a Firenze

12 Novembre 2019, di Alessandra Caparello

MPS lancia il Talent Day, il ciclo di workshop di orientamento al lavoro ed educazione finanziaria pensati da Banca Mps per i giovani tra i 18 e i 27 anni, che prenderà il via da Firenze, venerdì 29 novembre, per proseguire nel mese di dicembre a Roma e per tutto il 2020 con oltre dieci incontri nelle principali città italiane.

Al centro degli incontri spunti pratici legati alla preparazione al colloquio di lavoro e alla stesura di un curriculum vitae efficace, indicazioni sui canali di recruiting da seguire e sulla fase di presentazione, ma anche informazioni su come costruire la propria reputazione sui canali social e sull’importanza delle competenze da valorizzare, fino alla realizzazione di una mappa concettuale volta ad identificare passioni, obiettivi individuali e timing per la ricerca del lavoro. È inoltre previsto uno spazio di educazione finanziaria su come i megatrend impattano sulla società, l’economia e la cultura trasformando i nostri stili di vita e i modelli di business a essi associati. Le lezioni sono curate da professionisti delle risorse umane di Banca Mps che condivideranno informazioni ed esperienze attraverso attività formative e di laboratorio.

“Con il Talent Day Banca Monte dei Paschi di Siena si pone in una posizione di ascolto delle esigenze del territorio con particolare attenzione al mondo giovanile e allo sviluppo dell’educazione finanziaria per una crescita sostenibile delle nuove generazioni – ha dichiarato Roberto Coita, Chief Human Capital Officer di BMps –. Il nostro progetto si propone di aiutare i ragazzi che si avvicinano per la prima volta alla ricerca di un lavoro a prendere consapevolezza di sé, delle proprie attitudini, aspirazioni, capacità e abilità e valorizzarle per presentarsi nella maniera più efficace. Rivolgiamo da sempre particolare attenzione ai progetti di orientamento dei giovani – ha proseguito Coita – e siamo consapevoli dell’importanza di stabilire un contatto fin dai primi anni della carriera universitaria per trasferire la nostra esperienza, far conoscere quali sono le nuove competenze richieste dal mercato e permettere così di seguire percorsi adeguati per il raggiungimento dei propri obiettivi occupazionali”.