Moody’s su Saipem, rischio downgrade. Titolo -7% in attesa dati ricapitalizzazione

11 Febbraio 2016, di Alberto Battaglia

MILANO (WSI) – Saipem crolla improvvisamente oltre -7% a 0,336 euro, al di sotto del prezzo di emissione delle nuove azioni, pari a 0,362 euro e viene sospesa per eccesso di ribasso. Attesa per l’esito dell’aumento di capitale e per l’eventuale inoptato.

Intanto oggi l’agenzia di rating Moody’s ha assegnato un giudizio previsionale di “(P)Baa3” a Saipem, l’azienda attiva nell’ingegneristica legata all’energia controllata da Eni, in vista di un possibile downgrade.
Come già indicato dal rating Standard & Poor’s, anche Moody’s vede fra i fattori di debolezza dell’azienda pubblico-privata gli indebolimenti dell’industria Oil & Gas; il peggioramento dei livelli del prezzo del petrolio rispetto al precedente scenario esaminato lo scorso ottobre; le difficoltà che Saipem, in questo contesto peggiorato, potrebbe riscontrare nel generare cassa nella misura indicata dal piano strategico.

Le azioni Saipem sono in ribasso oggi su Piazza Affari del 2,85% a 0,35 euro, ma fanno meglio della media del mercato, con un indice Ftse Mib in calo del 4,58%.