Migranti, Banca Mondiale: “alimenteranno crescita Eurozona”

7 Gennaio 2016, di Alessandra Caparello

NEW YORK (WSI) – “La recente accelerazione del numero di persone che chiedono asilo sta creando sfide importanti sul fronte politico e delle capacità di assorbimento (di quelle persone)”. Così si legge nel rapporto pubblicato ieri dalla Banca Mondiale e intitolato “Global Economic Prospects. Spillovers amid weak growth”.

Creano “preoccupazioni persistenti” riguardanti il basso potenziale di crescita, sia l’alta disoccupazione chee l’ampio debito pubblico, ma – si legge nel report dell’istituto di Washington – possono allievare tali preoccupazioni la mobilità nel lavoro e i fenomeni migratori. Proprio l’aumento delle richieste di asilo “si stima dia sostegno alla crescita complessiva dell’Area euro nel breve termine attraverso l’aumento della spesa pubblica e dei consumi privati”.

“Nel medio termine, il flusso di migranti potrebbe anche aiutare a superare la carenza di forza lavoro disponibile a fronte di un invecchiamento della popolazione (…) l’effetto finale sulla crescita e sulle finanze pubbliche resta altamente incerto e legato alla performance dei migranti nel mercato del lavoro così come alla coerenza delle risposte sul piano politico nazionali e a livello Ue”.