Mediolanum: utile si contrae del 25%, bene livello patrimoniale

28 Luglio 2016, di Daniele Chicca

Il semestre è stato a luci e ombre per Medionalum: il gruppo ha archiviato il primo semestre con utile netto di 170 milioni di euro, in calo del 25% rispetto all’analogo periodo del 2015, ma ha visto un buon rapporto patrimoniale e una incidenza delle sofferenze che, al contrario di altri istituti concorrenti, non preoccupa.

Il totale delle masse gestite e amministrate è stata pari a 71,25 miliardi di euro (+2%). La raccolta netta totale, si legge in una nota del gruppo, è stata positiva per 2.805 milioni di euro, per un rialzo del +29% rispetto alla prima metà dell’anno prima. L’incidenza dei crediti deteriorati netti sul totale crediti è pari allo 0,8%, più bassa dunque della media italiana, dal momento che è data a quasi il 18% dei prestiti in portafoglio.

Dal punto di vista patrimoniale, il Cet1 (il rapporto Common equity tier 1) risulta al 20,2% “confermandosi ai livelli più alti tra i gruppi bancari italiani” è scritto nella nota della società.