Manovra correttiva, Padoan: richiesta sconto non sarà rigettata da Ue

16 Giugno 2017, di Daniele Chicca

Intervenuto dall’Ecofin in corso in Lussemburgo Pier Carlo Padoan ha detto che l’esecutivo dell’Ue non chiederà correzioni significative sui conti pubblici. Secondo il capo del Tesoro la Commissione europea risponderà alla lettera del ministro dell’Economia sulla portata della correzione da apportare ai conti pubblici del 2018 e “non ci sono i numeri, non ci sono indicazioni che mi facciano pensare che questa nostra decisione annunciata possa essere rigettata”.

Nella lettera, il ministro ha comunicato alle autorità Ue che l’Italia intende operare una correzione al bilancio strutturale pari allo 0,3% del Pil sul prossimo anno. “A me sembra che le giustificazioni dello 0,3% siano solide in sé – ha detto – e coerenti con il quadro di politica europea”.

“La Commissione – ha proseguito Padoan – ha anticipato che risponderà a quella lettera, come è nella buona educazione istituzionale. Mi sembra che il clima generale di valutazione dell’intonazione della politica fiscale sia più equilibrato che in passato: si deve continuare il consolidamento ma anche sostenere la crescita”.