Maire Tecnimont: Equita, contratto in Polonia migliora visibilità su stime 2022-23

29 Settembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Ieri a ridosso della chiusura di Piazza Affari, Maire Tecnimont ha comunicato che la propria controllata KT – Kinetics Technology si è aggiudicata un contratto EPC (Engineering, Procurement & Construction) Lump Sum-Turn Key da LOTOS Oil, relativo all’espansione della Raffineria di Danzica al fine di migliorare la capacità di trattamento del greggio e assicurare carburanti di qualità più elevata e ad alta efficienza energetica. Il contratto, leggermente superiore ai 200 milioni di euro, riguarda l’esecuzione di un impianto di hydrocracking (Hydrocracked Base Oil plant) e relative unità associate, che permetterà la produzione di oli di base del Gruppo II. Il completamento del progetto è previsto entro il primo semestre 2025. Questo impianto innovativo è il secondo in Europa e sarà in grado di trattare gruppi di oli di base più performanti.

“Stimiamo un margine del progetto in linea con il segmento EPC (5%-6% circa). Il nuovo ordine migliora ulteriormente la visibilità sulle nostre stime 2022-23. La raccolta ordini da inizio anno passa a circa 3,2 miliardi di euro rispetto alla stima 2021 a 3,4 miliardi”, commentano gli analisti di Equita che mantengono la raccomandazione hold su Maire. Secondo gli analisti, “la raccolta ordini nel segmento Green Energy (NextChem) è ragionevole che possa manifestarsi con l’aggiudicazione di contratti significativi dal 2022 in avanti”. Proprio ieri è stato siglato un feasibility study per un impianto di ammoniaca verde negli Stati Uniti (anche se per dimensioni inferiori alla scala commerciale dell`ammoniaca tradizionale) che potrebbe quindi aggiungendosi alla pipeline di progetti potenziali nel segmento Green Energy.