Litecoin, fondatore passa all’incasso: svende tutto per evitare “conflitto di interessi”

20 Dicembre 2017, di Daniele Chicca

Il fondatore di Litecoin, una delle stelle nascenti di un business – quello delle criptovalute – in grande crescita, in fase ascendente, ha sorpreso tutti quando ha deciso di vendere tutte le monete digitali in suo possesso. Charlie Lee parla di un conflitto di interessi dietro alla ragione della sua scelta controcorrente, ma sui mercati si specula che le sue vere intenzioni siano altre: incassare ora la montagna di soldi che ha guadagnato prima di un eventuale crollo dei prezzi.

Il creatore della quinta criptovaluta più grande al mondo attualmente ha fatto l’annuncio poco dopo la mezzanotte di ieri. Negli ultimi dodici mesi i prezzi del Litecoin hanno fatto un balzo del 9.300%: è solo una delle tante follie che circondando il fenomeno dei Bitcoin e delle criptovalute, le cui transazioni sono rese possibili dalla promettente tecnologia blockchain. In un messaggio su Reddit l’ingegnere di programmi software di San Francisco, che ha dato luce al progetto Litecoin nel 2013, ha scritto di aver venduto e donato tutte le criptovalute in suo possesso negli ultimi giorni.