Lavoro: Buffett, cercate la realizzazione personale e non il profitto

3 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

E’ uno degli uomini più ricchi del mondo e famoso investitore a capo della conglomerata Berkshire Hathaway. Parliamo di Warren Buffett, i cui consigli sono da sempre particolarmente seguiti e apprezzati sia per i più veterani che per i principianti che si approcciano per la prima volta al mondo degli affati. Parla spesso ai giovani Buffett e quando lo fa non si esime dal raccontare aneddoti della sua vita da cui trarre preziosi insegnamenti. Quando l’amministratore delegato della Berkshire Hathaway ha parlato con i ragazzi del college, ha sempre detto “Cercate la realizzazione personale piuttosto che il puro profitto”. Questo significa perseguire un lavoro che ti piace davvero, in un posto di lavoro con persone di talento che ammiri attivamente, come ha scritto nella sua lettera annuale agli azionisti. O, per dirla in un altro modo, l’oracolo di Ohama ha consigliato: “Chi cerca lavoro dovrebbe cercare un impiego nel campo “che sceglierebbe se non avesse bisogno di soldi”.

“Le realtà economiche, lo riconosco, possono interferire con questo tipo di ricerca”, ha continuato Buffett. “Anche così, esorto gli studenti a non abbandonare mai la ricerca, perché quando troveranno quel tipo di lavoro, non saranno più lavoratori”.

Il miliardario 91enne – attualmente la quinta persona più ricca del mondo, con un patrimonio netto di 114,7 miliardi di dollari, secondo Forbes – parla per esperienza personale. Nella sua lettera, Buffett ha scritto che lui e il suo socio in affari Charlie Munger, vice presidente della Berkshire, hanno entrambi iniziato come lavoratori part-time al negozio di alimentari di suo nonno nei primi anni ’40, con compiti noiosi e poco pagati. “La soddisfazione del lavoro continuava a sfuggire”, ha scritto Buffett, ma tutto cambiò quando trovò quello che [amava] fare; alla Berkshire, che Buffett acquistò nel 1965, costringendo la precedente gestione dell’azienda ad andarsene.

All’epoca, la Berkshire era una società tessile in difficoltà. Oggi, è una società di investimento e holding che possiede o detiene partecipazioni a lungo termine in aziende come Geico, Fruit of the Loom, American Express e Coca-Cola e vanta una capitalizzazione di mercato di 708,61 miliardi di dollari. La ricchezza di Buffett è in gran parte dovuta agli ultimi decenni di successo finanziario della Berkshire, e nella sua lettera, Buffett ha parzialmente attribuito quel successo alla ricerca di persone con cui lui e Munger amano lavorare. “Il turnover è in media, forse, una persona all’anno”, ha scritto Buffett.