La Fed fa sbandare i mercati, sell-off violento su Stellantis, ENI e banche

19 Agosto 2021, di Redazione Wall Street Italia

I segnali di tapering arrivati ieri sera dai verbali della Federal Reserve si fanno sentire sui mercati. Dopo la chiusura debole di Wall Street (oltre -1% per Dow Jones e S&P 500), oggi aprono in netto calo anche i mercati europei. Piazza Affari non è da meno con il Ftse Mib che cede a 26. punti. Timori di un prossimo inizio del tapering hanno spinto le vendite anche sul petrolio (-2% il WTI in area 63$) con un apprezzamento del dollaro (massimi a 9 mesi). In calo anche oro e argento.

Tra i titoli di Piazza Affari segnano il passo soprattutto i ciclici con flessioni di quasi il 3% per Stellantis, Pirelli e Tenaris. Al tappeto tutti i titoli oil con ENI a -2,39% in area 10,11 euro. Molto male anche i finanziari con -1,9% per Intesa e Unicredit, –2,49% Bper, -2,14% Banco BPM e -1,65% Poste.

A dettare l’umore ai mercati è quanto emerso ieri dalla Fed.

Dai verbali della riunione di luglio del Fomc è infatti emerso che la Federal Reserve sta valutando l’avvio del tapering entro la fine dell’anno. La maggior parte dei membri del board ha notato che, a condizione che l’economia dovesse evolversi come previsto, hanno ritenuto opportuno iniziare a ridurre il ritmo degli acquisti di asset quest’anno. “Nessuna decisione però è stata ancora presa e le tempistiche sono ancora oggetto di discussione”, precisano le minute Fomc.