Italiani non amano cambiare residenza, neppure se il lavoro è altrove

27 Marzo 2018, di Mariangela Tessa

I giovani italiani non amano trasferirsi se si tratta di lavoro. E’ infatti in Italia la percentuale più bassa (2%) di giovani occupati fra 20 e 34 anni che hanno cambiato residenza, almeno per un anno, per aver cambiato il posto di lavoro. Il 98% non si è mosso dal posto occupato, l’1% si è spostato all’interno del paese. Lo indica l’Eurostat sulla base dei dati relativi al 2016. La media Ue è del 90%, la quota piú alta si registra in Irlanda, dove il 40% dei giovani si è spostato.

Per quanto riguarda i disoccupati il 60% si dichiara non disponibile a cambiare residenza per ottenere un lavoro. Si dichiara disponibile a cambiare residenza il 20% purchè in Italia, il 7% in un altro paese Ue e il 13% in un paese extra Ue.