Istat: export ai massimi da 12 anni, ma cala l’import

25 Gennaio 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Il surplus del commercio con l’estero nel mese di dicembre 2015 ha raggiunto il livello più alto da gennaio del 1993, ossia da 12 anni, arrivano a quota 5,9 miliardi di euro. A renderlo noto l’Istat. Rispetto al mese di novembre, quelle di dicembre ha visto un aumento dell’export dello 0,9% e al pari un calo dell’import del 2,95%.

In forte crescita i beni di consumo durevoli che registrano un +4,4%, dei beni strumentali (+2,1%)  mentre calano gli acquisti di prodotti intermedi che registrano un -6,5%, e di energia con un -4,1%. In crescita negli ultimi tre mesi del 2015 anche le vendite verso i paesi extra Ue che sono aumentate dell’1,6%, mentre per quanto riguarda l’import emerge una flessione (-0,6%). A pesare soprattutto il calo dell’energia che scende a quota – 11,0%. In forte espansione su base annua invece le esportazioni che registrano un 4,1% con la crescita dei beni di consumi non durevoli che registrano un +8,7%, dei beni  strumentali (+6,7%), mentre le importazioni registrano una lieve crescita arrivando a + 0,3% che, al netto della componente energetica, salgono  quota  + 6,5%.