Inflazione Germania ai top dal 1992, pressione per tapering Bce destinata a crescere

30 Settembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

L’inflazione tedesca continua a salire attestandosi al 4,1% a/a a livello armonizzato a settembre dal 3,4% di agosto. L’indice armonizzato rilevante per la BCE è balzato al 4,1%, dal 3,4% di agosto. L’ultima volta che l’inflazione tedesca ha superato il 4% è stato nel giugno 1992.

“L’aumento dell’inflazione complessiva è stato trainato dagli effetti dell’inversione dell’aliquota IVA, che si manifesta anche in sottocomponenti come i prezzi dell’abbigliamento e del tempo libero, i prezzi più elevati dell’energia e gli aumenti dei prezzi post-blocco nei servizi per il tempo libero e l’ospitalità”, argomentano gli esperti di Ing che vedono la possibilità che l’inflazione complessiva si avvicini anche al 5% verso la fine dell’anno.

Guardando più avanti, Ing ritiene che alcuni fattori una tantum dovrebbero scomparire all’inizio del prossimo anno, ma è probabile che il recente aumento dei prezzi dell’energia, nonché i continui attriti nella catena di approvvigionamento e i rialzi dei prezzi post-lockdown, manterranno l’inflazione tedesca sopra il 2% per gran parte del 2022.

“L’accelerazione dell’inflazione in Germania continua e metterà più pressione sul dibattito di dicembre della Bce su come procedere con i suoi acquisti di asset il prossimo anno. Non saremmo sorpresi di vedere la BCE ridurre i suoi acquisti di asset nel 2022 in misura maggiore di quanto si pensasse dopo il meeting di agosto”, asseriscono da Ing.