Il più grande flop del 2021 sui mercati sono le IPO europee

21 Dicembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Tra gli sconfitti in quest’anno che sta per volgere al termine ci sono a sorpresa le grandi IPO europee. In linea generale, con 2.388 offerte che hanno raccolto 453,3 miliardi di dollari (636,6 miliardi di dollari), il 2021 è stato l’anno più attivo per le IPO in 20 anni. I volumi delle IPO globali sono saliti del 64% e i proventi sono aumentati del 67% su base annua, secondo EY. “Di fronte all’ambiente incerto che il 2021 ha promesso, il mercato globale delle IPO ha avuto un anno eccezionale, battendo i record per il volume e i proventi delle IPO costantemente nel quarto trimestre”, ha detto Paul Go di EY.

IPO: dai record…

Il Nasdaq è stata la prima borsa in termini di numero di IPO e proventi, con 308 quotazioni che hanno raccolto 97,5 miliardi di dollari. E proprio la performance del Nasdaq ha messo il mercato IPO statunitense sulla buona strada per archiviare il suo anno più attivo su con 416 nuove quotazioni che hanno raccolto 155,7 miliardi di dollari. “L’ondata di nuove società pubbliche è stata guidata da valutazioni elevate, un ambiente prolungato di bassi tassi di interesse e un forte appetito degli investitori per le azioni”, rimarca Rachel Gerring, leader IPO di EY Americas. Gli Stati Uniti rimangono la principale destinazione delle IPO transfrontaliere, con 106 società che hanno scelto di quotarsi lì. Ma anche i mercati IPO di Europa, Medio Oriente, India e Africa hanno chiuso l’anno con il maggior numero di operazioni dal 2007, registrando 724 IPO che hanno raccolto 109,4 miliardi di dollari. Tuttavia, le cifre da record non si sono necessariamente tradotte in una forte performance.

…ai grandi flop

Molti titoli sono scambiati al di sotto del loro prezzo di quotazione. Da THG, Auto1 Group SE, Allegro.ue, Deliveroo e InPost, si contano numerosi flop tra le IPO di maggior spessore andate in scena in Europa negli ultimi 12 mesi. “Gli investitori dovranno porsi in modalità di attesa, valutando la ripresa economica globale”, ha detto a Bloomberg Susannah Streeter, analista senior di Hargreaves Lansdown Plc. “Molte valutazioni delle IPO sono state guidate dalle aspettative di crescita futura e alcune aziende hanno visto le loro azioni scivolare a causa delle preoccupazioni per l’inflazione a picco e le aspettative di aumenti dei tassi”. La piattaforma di shopping online THG e la piattaforma di consegna di cibo Deliveroo sono state trascinate più in basso dalla governance e dai problemi di valutazione. Le azioni di InPost hanno sofferto dopo che l’operatore di pacchi quotato ad Amsterdam ha registrato volumi di e-commerce più lenti, mentre l’aumento della concorrenza ha pesato sul gigante polacco di e-commerce Allegro.